Ambiti di intervento

Psicodiagnosi

La psicodiagnostica si struttura in un’indagine approfondita delle caratteristiche emotive, relazionali e cognitive della persona e dei tratti che contraddistinguono la sua personalità. L’obiettivo è una valutazione del funzionamento psicologico globale, finalizzata ad una presa in carico individualizzata e centrata sulle problematiche riferite dal singolo. Al tal fine si utilizzano vari strumenti, ovvero colloqui clinici, osservazioni delle interazioni familiari mediante strumenti standardizzati, questionari, inventari di personalità, test grafici, test neuropsicologici e test d’intelligenza.

Nel nostro Studio la psicodiagnostica viene utilizzata nella fase iniziale di una psicoterapia e per la valutazione dei disturbi dell’apprendimento.

Gli strumenti adottati verranno attentamente selezionati in base allo scopo della valutazione, all’età della persona e alle difficoltà riferite.

Psicoterapia

Generalmente una persona pensa di rivolgersi ad uno psicoterapeuta quando si trova in un momento di crisi e di sofferenza interna e non riesce a trovare da sé le giuste strategie per risollevarsi. Ad esempio nei momenti critici di passaggio legati a cambiamenti di vita come la gravidanza, la separazione, il lutto; per problematiche inerenti l’alimentazione, l’uso di droghe o di altri comportamenti che si rivelano per noi stessi distruttivi; per problematiche scolastiche o sociali; nei casi di conflitti familiari tra i genitori o tra genitori e figli; quando si sperimentano intensi e ricorrenti emozioni di profonda tristezza, ansia o panico; nei casi in cui ci si sente disorientati rispetto ai propri obiettivi, incapaci di raggiungerli o inefficaci; e ogniqualvolta si voglia promuovere il proprio benessere emotivo raggiungendo un maggiore equilibrio con se stessi e con gli altri.

La psicoterapia prevede sedute individuali e/o familiari finalizzate a sostenere e incoraggiare la persona nel superamento delle difficoltà che l’hanno spinta a formulare la richiesta di aiuto e con l’obiettivo di potenziare o sviluppare le proprie abilità, nell’ottica di adottare strategie funzionali al benessere e al mantenimento di un buon equilibrio di vita. Gli interventi sono altamente individualizzati e pensati rispetto alla persona, con la quale vengono sempre concordati gli obiettivi che si vogliono raggiungere.

Le principali aree di intervento trattate nello studio sono:

 

Psicoterapia Individuale dell’adulto:

  • Disturbi d’ansia: attacchi di panico, ansia generalizzata, ansia sociale e fobie specifiche
  • Disturbo ossessivo compulsivo – DOC
  • Ansia per la salute
  • Disturbi dell’umore e degli stati depressivi
  • Disturbi di personalità
  • Difficoltà relazionali
  • Disturbo post traumatico da stress
  • Insonnia
  • Disturbi alimentari
  • Crisi di coppia

 

Psicoterapia Individuale dell’età evolutiva:

  • Ansia generalizzata, fobia sociale, rifiuto scolare, fobie specifiche
  • Disturbo ossessivo compulsivo – DOC
  • Alterazioni dell’umore
  • Difficoltà relazionali
  • Problemi del comportamento (difficoltà nella gestione della rabbia, atteggiamenti oppositivi e provocatori)

Consulenza alla famiglia

La famiglia e il rapporto con i genitori rimane il luogo primario all’interno del quale si realizza la crescita e lo sviluppo del bambino. Da qui nasce l’esigenza di promuovere relazioni positive tra figli e genitori. Ma essere genitori ed educare è un compito molto complesso. La famiglia è in continuo movimento. Essa si inserisce all’interno di un percorso evolutivo fisiologico determinato dalle varie tappe nella crescita dei figli, dalla nascita all’adolescenza. È influenzato da fattori personali, dell’adulto e del bambino, e da fattori familiari che determinano una modifica del nucleo familiare come lutti, separazione e divorzio, svincolo dei figli.

Non è raro quindi che, durante questa evoluzione, ci si trovi ad attraversare momenti in cui il cammino appaia troppo faticoso, ci si senta molto disorientati e potrebbe presentarsi una problematica intra-familiare o personale di difficile gestione. E sappiamo come l’esistenza di un problema per un membro della famiglia incide più o meno direttamente anche sulla vita degli altri.

Il problema può essere pertanto relativo al figlio o al genitore, ma in ogni caso la valutazione sarà orientata ad un inquadramento globale del problema all’interno della dinamica familiare, proponendo il trattamento più idoneo in modo da rispondere il più possibile ai bisogni e alle esigenze della famiglia.

Gli interventi di sostegno alla genitorialità e di parent training sono pensati per i genitori che, per motivi diversi (cambiamenti fisiologici legati alle varie fasi del ciclo di vita dei figli, eventi critici, separazione coniugale, problematiche personali o dei figli ecc…) vivono delle difficoltà nel loro ruolo genitoriale. L’obiettivo è comprendere e migliorare la relazione con i figli e gli stili educativi e comunicativi in famiglia per sostenere lo sviluppo psico-affettivo dei figli stessi.

I percorsi familiari non sono orientati solo ed esclusivamente alle famiglie che si trovano in situazioni particolarmente problematiche, ma si configurano come un cammino utile a qualsiasi genitore per migliorare la relazione con i figli, le dinamiche familiari e la crescita di ogni membro della famiglia.

Psicologia Scolastica

Nel corso della carriera scolastica bambini e ragazzi possono incontrare delle difficoltà che non gli permettono di ottenere i migliori risultati possibili. Le cause possono essere molteplici pertanto è necessario fare un’indagine approfondita sia per quanto riguarda gli aspetti cognitivi, degli apprendimenti e delle funzioni neuropsicologiche (memoria, attenzione, ecc..) sia di quelli emotivi, relazionali e di motivazione allo studio. Risulta importante effettuare tale valutazione perché un basso rendimento scolastico potrebbe portare a sentimenti di bassa autostima e scarso senso di autoefficacia con conseguente demotivazione nei confronti dell’ambiente scolastico. Un’attenta valutazione di quali possono essere i motivi dello scarso rendimento scolastico permette di ricercare le soluzioni che consentano di superare le difficoltà, evitando l’instaurarsi di successivi insuccessi.

Una delle possibili cause dello scarso rendimento scolastico è la presenza di un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (Dislessia, Disortografia, Disgrafia e/o Discalculia) che si riscontra in circa il 2-5% della popolazione scolastica. Lo Studio offre la possibilità di effettuare un’indagine approfondita ed impostare un appropriato trattamento volto al potenziamento delle abilità implicate nell’apprendimento, aiutare lo studente nell’organizzazione dello studio e nello scoprire qual è per lui il metodo di studio più efficace. In accordo con la famiglia si effettuano anche colloqui con gli insegnanti in quanto un ambiente in cui sia attiva la collaborazione tra scuola e famiglia porta al raggiungimento di risultati maggiori.

Nell’ambito della psicologia scolastica lo studio si occupa di:

  • Valutazione e trattamento dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA): Dislessia, Disgrafia, Disortografia, Discalculia
  • Potenziamento del metodo di studio
  • Orientamento scolastico
  • Valutazione e trattamento delle componenti neuropsicologiche: attenzione, memoria, funzioni esecutive

Potenziamento degli apprendimenti scolastici

Un potenziamento, nell’ambito dei DSA, è un percorso finalizzato a migliorare e rendere più efficienti le abilità strumentali che sono implicate nell’apprendimento scolastico (velocità e correttezza della lettura, della scrittura e del calcolo).

 

L’importanza del potenziamento

Il potenziamento di specifiche abilità come la lettura, la scrittura e il calcolo determina un miglioramento degli apprendimenti scolastici, favorisce l’autonomia nello studio e nell’uso degli strumenti compensativi, con una riduzione dell’affaticamento durante l’esecuzione dei compiti scolastici. 

 

Modalità e tempi

E’ strutturato su obiettivi precisi e personalizzati a seconda di quanto è emerso dalla valutazione clinica. Attività ed esercizi, anche con l’uso di programmi al computer, sono progettati sulla base di dati di evidenza scientifica.

Un trattamento efficace prevede dei cicli di intervento brevi e ripetuti della durata di almeno 3 mesi.

Interventi di gruppo

Il termine «gruppo» deriva da «groppo» (nodo) che rimanda all’idea di assemblaggio, ovvero qualcosa che riunisce, lega tra loro molteplici elementi. Gli interventi di gruppo si configurano come interventi destinati a più persone che interagiscono le une con le altre, in modo ordinato, sulla base di aspettative condivise riguardanti il rispettivo comportamento.

I nostri interventi di gruppo, attraverso l’utilizzo di tecniche psicoeducazionali, sono orientati a sviluppare abilità e risorse personali per migliorare la qualità di vita della persona, sia a livello individuale che relazionale.

Lo Studio programma periodicamente vari percorsi in piccolo gruppo per varie fasce d’età e centrati sull’apprendimento di diverse skills. Periodicamente vengono organizzati i seguenti Training:

  • Training sulla gestione della disregolazione emotiva
  • Training sull’assertività e la comunicazione efficace
  • Training sullo sviluppo delle abilità sociali

 

Le tecniche utilizzate si basano sui principi dell’apprendimento sociale come il modeling (apprendimento per osservazione), il rinforzo (lodare verbalmente i passi dell’abilità sociale eseguiti correttamente), lo shaping (rinforzare le successive approssimazioni al comportamento finale desiderato), l’automatizzazione (praticare l’abilità in maniera sistematica fino a che diventa automatica) e la generalizzazione (trasferire l’abilità appresa nel gruppo di addestramento ad altri contesti di realtà quotidiana tramite l’assegnazione di compiti a casa). Durante i gruppi la persona ad esempio impara ad esprimere e regolare le proprie emozioni, sia quelle positive che negative, a fare richieste in modo costruttivo, ad ascoltare gli altri, ad affermare i propri diritti, ad accettare e a formulare critiche costruttive.